Street art a Roma, musei a cielo aperto

La street art a Roma.

Roma non è solo la città delle piazze, delle fontane e dei monumenti. O delle chiese e delle ville nobiliari. Anche la street art a Roma è un aspetto affascinante della città. Negli ultimi dieci anni, infatti, diversi progetti promossi da collettivi di artisti e comitati di quartiere hanno fatto sì che decine di strade romane abbiano assunto un aspetto differente.

I colori della street art a Roma

350 opere in oltre 7 quartieri.

Oltre 350 opere di street art a Roma sono dislocate tra la periferia e il centro danno modo ai residenti e ai turisti di avere un motivo in più per vivere quartieri meno famosi e più fuori mano. 
Dal Pigneto a Garbatella, dal Quadraro a San Basilio, da Ostiense a Tor Pignattara e Tor Marancia, molti angoli poco battuti della Città Eterna hanno trovato una nuova vita. 
Lucamaleonte, Omino71, MauPal, Mr Klevra, Alice Pasquini sono solo alcuni dei nomi di famosi protagonisti e promotori della street art a Roma, che con il loro impegno hanno dato vita a veri e propri musei a cielo aperto, fruibili gratuitamente e in ogni momento.
Una passeggiata alla scoperta della street art a Roma è il modo più naturale,  piacevole e sorprendente per immergersi nel tessuto urbano popolare della Capitale, uscendo fuori da ciò che è più noto, raccontato e scontato. 

“Muri sicuri” in aiuto dei terremotati.

Negli ultimi anni a Roma si è promossa un’iniziativa benefica che ha coinvolto oltre cento guide turistiche della città, che si sono impegnate a far conoscere a romani e turisti le opere di street art dislocate tra i quartieri. Le offerte ricevute per questa attività sono state interamente devolute alla ricostruzione di numerosi borghi e città colpite dal Sisma del Centro Italia nel 2016 e 2017. Norcia, Matelica, Avendita di Cascia e Grisciano sono alcune delle comunità che hanno beneficiato dell’iniziativa. Nel marzo di quest’anno, subito prima del lockdown dovuto all’emergenza Coronavirus, due nuovi murales sono apparsi a Garbatella: uno a firma Diamond e Solo in piazza Sauli, raffigurante l’oste Clementina – alla quale si deve il nome del quartiere – , l’altra a via Fincati, opera di Gomez. L’artista venezuelano ha raffigurato due mani, una con un chiodo al polso e l’altra con i fiori. Dolore e rinascita.  

L’oste Celestina in piazza Sauli, Garbatella

Other blog posts…

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.
By using Aliceinwonderome website, you accept our use of cookies.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website. By using Aliceinwonderome website, you accept our use of cookies.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.
By using Aliceinwonderome website, you accept our use of cookies.